Cellule staminali nell’insufficienza renale acuta

E’ stato presentato, durante il 48° Congresso della Società Americana di Ematologia tenutosi a Orlando in Florida dal 9 al 12 dicembre, uno studio fatto da ricercatori italiani sulla cura dell’ insufficienza renale acuta utilizzando le cellule staminali mesenchimali isolate con successo dal sangue placentare.

Lo studio, frutto della collaborazione tra la “Fondazione Ospedale Maggiore Policlinico, Mangiagalli e Regina Elena” di Milano e l’Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri di Bergamo, ha dimostrato che queste cellule trapiantate in topi in cui era stata provocata una forma di insufficienza renale acuta, hanno favorito la riparazione del tessuto danneggiato.

“Infatti le cellule staminali mesenchimali umane si sono localizzate nel rene danneggiato favorendo una rapida rigenerazione del tessuto renale con un conseguente significativo miglioramento della funzione dell’organo.

3 pensieri su “Cellule staminali nell’insufficienza renale acuta

  1. Giovanni Zago

    Salve, ci sono aggiornamenti in merito all’articolo riguardante “Cellule staminali nell’insufficenza renale acuta”?
    Grazie
    Giovanni

    Replica
  2. Maria

    Buongiorno, vorrei sapere se in questi ultimi periodi ci sono stati sviluppi sulla sperimentazione di cellule staminali sui malati di nefropatia. Ringrazio e saluto cordialmente .

    Replica

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>